Home
   Informazioni
   Ricerca
   Didattica
   Personale
   Proposte
   Tesi in corso
   Albo dei tesisti
   Mappa
   English
stampa 
Sistema di programmazione per macchina piegatrice a controllo numerico

Relatore: prof. Aldo Rossi
Laureando: Salvatore Ciliberti
Data: 2007

Descrizione: La Pedrazzoli IBP SpA si occupa della progettazione e costruzione di macchine a controllo numerico per il taglio, la lavorazione e la curvatura di tubi metallici. In una realtà come quella attuale, in cui la competizione è un arma determinante per la sopravvivenza e uno strumento necessario per l’aggiornamento continuo delle proprie conoscenze, l’innovazione ha un ruolo fondamentale per saper affrontare con successo il cambiamento repentino dei bisogni del mercato di riferimento. Il lavoro svolto personalmente all’interno dell’azienda va inquadrato sotto questo aspetto. Infatti, le novità apportate non sono previste nella versione attuale del software di controllo aziendale e, perciò, andranno ad ampliare ulteriormente le già numerose funzionalità delle macchine Pedrazzoli. La prima novità introdotta è data da un software che, se installato sui Personal Computer a bordo macchina, offre la possibilità di operare direttamente sugli azionamenti elettrici che controllano il movimento degli assi. Nella seconda parte sono state sviluppate alcune funzioni speciali. In ordine cronologico, è stata sviluppata una funzione che permette di capovolgere il programma di curvatura di un tubo qualsiasi. A questa è seguita la realizzazione di una applicazione in grado di ricostruire il profilo tridimensionale di un tubo che presenti qualsiasi tipo di curva (a raggio costante o variabile) o rotazione nello spazio. La ricostruzione può essere eseguita a partire da qualsiasi applicazione tridimensionale (come CAD 3D) in grado di fornire le coordinate spaziali di un numero finito di punti appartenenti all’asse del tubo. Quest’ultima applicazione, dotata di propria interfaccia e integrata con il software attuale, è in grado di produrre una struttura dati che viene tradotta in codice ISO e inviata al controllo numerico a cui compete, all’ultimo stadio del processo, curvare il tubo e riprodurre la forma tracciata inizialmente dai punti nello spazio.


Riferimento: Aldo Rossi
Sede: UniPd - DIMEG

Home | Informazioni | Ricerca | Didattica | Personale | Tesi | Mappa | English